PRIMI CONCORSI ENOLOGICI INTERNAZIONALI 2019

I vini ticinesi tengono alta la bandiera svizzera.

Al Concours International de Lyon, che, con più di 6 860 vini provenienti da 49 paesi, rappresenta uno dei più importanti appuntamenti dell’anno, la concorrenza era agguerrita e ad altissimi livelli. La Svizzera è riuscita ad ottenere solo due Medaglie d’Oro, con un bianco di Ginevra ed un Merlot del Ticino: il Monti- Il Canto della Terra 2016 della Cantina Monti di Cademario, che si è portata a casa anche due Medaglie d’Argento con il merlot Rovere 2017 e il Malcantone Rosso dei Ronchi 2016. Anche al Frankfurt International Trophy, dove su più di 1700 vini da 26 paesi, gli ori svizzeri sono stati soltanto due, tutti e due ticinesi e dello stesso produttore: ancora il 2016 del Monti-Il Canto della Terra e, questa è la vera novità, un bianco ticinese, il Malcantone – Bianco di Cademario 2017, un assemblaggio di Müller-Thurgau, Chardonnay, e Pinot Gris fermentato ed allevato in barrique. E non è la prima volta per i bianchi ticinesi…questo dimostra quindi, che l’eccellenza dei nostri prodotti non è limitata al solo Merlot, ma anche per i vini bianchi, categoria fortemente rappresentata al concorso in Germania, in Ticino c’è un grande potenziale. A Francoforte la Cantina Monti si è aggiudicata anche il trofeo di “Miglior Vino Svizzero in Concorso” e una Medaglia d’ Argento con il Monti-Il Canto della Terra del 2017. Quando si parla di alta qualità, ormai da anni, i vini ticinesi sono sempre presenti ai massimi livelli internazionali, se consideriamo che la produzione totale di bottiglie nel nostro Cantone è pari a quella di una cantina medio-grande del Veneto… è un vero miracolo! Avremo tutti modo di scoprire o conoscere meglio i nostri viticoltori, incontrandoli a casa loro e degustando i loro vini durante “Cantine Aperte 2019”.